Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, continuando la navigazione, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Accetta Voglio saperne di più X
Esofago Pisa
Esofago Pisa
FAQ
home / archivio focus / focus
FOCUS - Esofago Pisa
Esofago di Barrett

Con tale termine si intende una condizione in cui la normale mucosamembrana di rivestimento della superficie interna di organi cavi e di canali dell'organismo comunicanti con l'esterno direttamente o indirettamente (per esempio, le vie respiratorie, il tubo gastrointestinale, le vie urinarie, l'apparato genitale, l'orecchio medio ecc.) squamosa pluristratificata dell'esofagotratto del tubo digerente compreso tra la faringe e lo stomaco. √ą lungo circa 25 cm, largo 2, occupa la parte inferiore del collo (porzione cervicale), scorre verticalmente nel torace (porzione toracica), attraversa il diaframma, in corrispondenza dell'anello esofageo, e, dopo breve tratto (porzione addominale), sbocca nello stomaco, mediante un'apertura detta cardias. è sostituita da epiteliotessuto di rivestimento della superficie esterna del corpo e delle cavit√† interne degli organismi animali e vegetali pluricellulari. √ą costituito da cellule di forma geometrica e regolare, separate da sostanza intercellulare. l'epitelio di rivestimento del lume dei vasi √® detto endotelio. cilindrico (vedi fig. 1).

E’ ormai dimostrato che l'esofagotratto del tubo digerente compreso tra la faringe e lo stomaco. √ą lungo circa 25 cm, largo 2, occupa la parte inferiore del collo (porzione cervicale), scorre verticalmente nel torace (porzione toracica), attraversa il diaframma, in corrispondenza dell'anello esofageo, e, dopo breve tratto (porzione addominale), sbocca nello stomaco, mediante un'apertura detta cardias. di Barrett è una condizione acquisita, risultante da un reflusso gastro-esofageo o duodeno-gastro-esofageo cronico, che determina una lesione del normale epiteliotessuto di rivestimento della superficie esterna del corpo e delle cavit√† interne degli organismi animali e vegetali pluricellulari. √ą costituito da cellule di forma geometrica e regolare, separate da sostanza intercellulare. l'epitelio di rivestimento del lume dei vasi √® detto endotelio. e la sua sostituzione con cellule cilindriche (metaplasia). L'aspetto endoscopico è tipico con una mucosamembrana di rivestimento della superficie interna di organi cavi e di canali dell'organismo comunicanti con l'esterno direttamente o indirettamente (per esempio, le vie respiratorie, il tubo gastrointestinale, le vie urinarie, l'apparato genitale, l'orecchio medio ecc.) rosa salmone che ricopre l'esofagotratto del tubo digerente compreso tra la faringe e lo stomaco. √ą lungo circa 25 cm, largo 2, occupa la parte inferiore del collo (porzione cervicale), scorre verticalmente nel torace (porzione toracica), attraversa il diaframma, in corrispondenza dell'anello esofageo, e, dopo breve tratto (porzione addominale), sbocca nello stomaco, mediante un'apertura detta cardias. sopra la giunzione esofagogastrica.

L'esofagotratto del tubo digerente compreso tra la faringe e lo stomaco. √ą lungo circa 25 cm, largo 2, occupa la parte inferiore del collo (porzione cervicale), scorre verticalmente nel torace (porzione toracica), attraversa il diaframma, in corrispondenza dell'anello esofageo, e, dopo breve tratto (porzione addominale), sbocca nello stomaco, mediante un'apertura detta cardias. di Barrett è presente nel 10-15% dei soggetti che si sottopongono a endoscopia per sintomatologia da reflusso, ma la reale incidenza, data la frequente asintomaticità, è molto più elevata. L'interesse per tale condizione è dato dalla sua accertata natura pre-cancerosa e dalla possibilità di una progressione della metaplasiatrasformazione di un tessuto gi√† differenziato in un altro simile per origine embriologica (per esempio, modificazione di un epitelio cilindrico in uno pavimentoso composto, o trasformazione di un tessuto osseo in uno fibroso ecc.). la metaplas√¨a pu√≤ essere un'alterazione reversibile oppure, quando si accompagna a fenomeni di displasia, pu√≤ rappresentare la fase iniziale di un tumore: in tal caso pu√≤ essere considerata una vera e propria precancerosi (per es. la metaplas√¨a dell'epitelio pavimentoso del tratto terminale dell'esofago che si trasforma in quello cilindrico colonnare dello stomaco: questa condizione, nota con il nome di "esofago di barret", appare legata all' esofagite da reflusso). a displasiail termine displas√¨a designa l'alterazione della grandezza, della forma, dell'organizzazione delle cellule adulte che istologicamente precede, nell'evoluzione di un tumore maligno (vedi anche cancerogenesi), l'insorgenza del tumore stesso. rispetto a quest'ultimo, pur coesistendo molte analogie con l'aspetto istologico della displas√¨a, si ammette come differenza sostanziale la possibilit√† di regressione della lesione. lieve, grave, e infine a  neoplasia. Il reale rischio di trasformazione carcinomatosa è tra 30 e 125 volte più elevato che nella popolazione generale, comunque l'incidenza rimane molto bassa, circa lo 0, 3-0, 5% dei pazienti con esofagotratto del tubo digerente compreso tra la faringe e lo stomaco. √ą lungo circa 25 cm, largo 2, occupa la parte inferiore del collo (porzione cervicale), scorre verticalmente nel torace (porzione toracica), attraversa il diaframma, in corrispondenza dell'anello esofageo, e, dopo breve tratto (porzione addominale), sbocca nello stomaco, mediante un'apertura detta cardias. di Barrett/anno. Il rischio è correlato direttamente alla lunghezza dell'esofagotratto del tubo digerente compreso tra la faringe e lo stomaco. √ą lungo circa 25 cm, largo 2, occupa la parte inferiore del collo (porzione cervicale), scorre verticalmente nel torace (porzione toracica), attraversa il diaframma, in corrispondenza dell'anello esofageo, e, dopo breve tratto (porzione addominale), sbocca nello stomaco, mediante un'apertura detta cardias. di Barrett e l'endoscopista normalmente distingue i pazienti con short e (< 3 cm)  long (> 3 cm) Barrett, indicando inoltre in cm l'estensione massima delle fiamme di Barrett e l'estensione circonferenziale rispetto alla giunzione esofagogastrica (vedi figura 1)

Figura 1: C4 M6 = estensione massima 6 cm, estensione circonferenziale 4 cm

La diagnosi di esofagotratto del tubo digerente compreso tra la faringe e lo stomaco. √ą lungo circa 25 cm, largo 2, occupa la parte inferiore del collo (porzione cervicale), scorre verticalmente nel torace (porzione toracica), attraversa il diaframma, in corrispondenza dell'anello esofageo, e, dopo breve tratto (porzione addominale), sbocca nello stomaco, mediante un'apertura detta cardias. di Barrett è solo istologica e non endoscopica (con l'endoscopia si può parlare solo di sospetto Barrett  - ESEM, Endoscopically Suspect Esophageal Metaplasia - da qui la necessità delle biopsie). In caso di conferma istologica può essere necessario eseguire una EGDS con magnificazione e colorazione  (la mucosamembrana di rivestimento della superficie interna di organi cavi e di canali dell'organismo comunicanti con l'esterno direttamente o indirettamente (per esempio, le vie respiratorie, il tubo gastrointestinale, le vie urinarie, l'apparato genitale, l'orecchio medio ecc.) esofagea è colorata con sostanze che esaltano il contrasto tra le cellule o con coloranti che sono assorbiti dalle cellule stesse e magnificate, cioè l'immagine viene ingrandita molte volte con un apposito zoom; oppure viene fatta una colorazione "elettronica", cioè è utilizzato uno strumento cge si chiama NBI - Narrow Band Imaging - che eliminando alcune bande di colore, migliora l'immagine della superficie mucosamembrana di rivestimento della superficie interna di organi cavi e di canali dell'organismo comunicanti con l'esterno direttamente o indirettamente (per esempio, le vie respiratorie, il tubo gastrointestinale, le vie urinarie, l'apparato genitale, l'orecchio medio ecc.) e dell'epiteliotessuto di rivestimento della superficie esterna del corpo e delle cavit√† interne degli organismi animali e vegetali pluricellulari. √ą costituito da cellule di forma geometrica e regolare, separate da sostanza intercellulare. l'epitelio di rivestimento del lume dei vasi √® detto endotelio. ghiandolare) (figura 2 e 3).

Figura 2 EGDS

a) piccola lesione mucosamembrana di rivestimento della superficie interna di organi cavi e di canali dell'organismo comunicanti con l'esterno direttamente o indirettamente (per esempio, le vie respiratorie, il tubo gastrointestinale, le vie urinarie, l'apparato genitale, l'orecchio medio ecc.)                    b) NBI                                             c) NBI + magnificazione

Figura 3: colorazione con acido acetico e magnificazione endoscopica

In questo modo è possibile fare biopsie più mirate sull'esofagotratto del tubo digerente compreso tra la faringe e lo stomaco. √ą lungo circa 25 cm, largo 2, occupa la parte inferiore del collo (porzione cervicale), scorre verticalmente nel torace (porzione toracica), attraversa il diaframma, in corrispondenza dell'anello esofageo, e, dopo breve tratto (porzione addominale), sbocca nello stomaco, mediante un'apertura detta cardias. metaplasico anziché fare biopsie casuali. Vi è un generale consenso sulla necessità di un trattamento medico a dosaggio pieno in ogni caso di esofagotratto del tubo digerente compreso tra la faringe e lo stomaco. √ą lungo circa 25 cm, largo 2, occupa la parte inferiore del collo (porzione cervicale), scorre verticalmente nel torace (porzione toracica), attraversa il diaframma, in corrispondenza dell'anello esofageo, e, dopo breve tratto (porzione addominale), sbocca nello stomaco, mediante un'apertura detta cardias. di Barrett.  Tuttavia, data la frequente presenza di una componente “biliare”, la terapia medica non garantisce completamente il blocco del reflusso gastro-esofageo cioè non elimina l’eventuale componente duodenale (biliare) del reflusso, pur riducendolo drasticamente: solo l’intervento chirurgico di plastica antireflusso, ripristinando una barriera tra esofagotratto del tubo digerente compreso tra la faringe e lo stomaco. √ą lungo circa 25 cm, largo 2, occupa la parte inferiore del collo (porzione cervicale), scorre verticalmente nel torace (porzione toracica), attraversa il diaframma, in corrispondenza dell'anello esofageo, e, dopo breve tratto (porzione addominale), sbocca nello stomaco, mediante un'apertura detta cardias. e stomacotratto del tubo digerente che occupa gran parte dell'epigastrio e dell'ipocondrio sinistro, subito sotto il diaframma. nello st√≤maco il cibo viene trasformato in una pasta semiliquida, detto chimo gastrico, che viene a piccole quantit√† e a successivi intervalli passato nel duodeno in seguito all'apertura dello sfintere pilorico., può abolire completamente la patologica esposizione dell’esofago distale al succo gastro-enterico. Quindi in caso di presenza di esofagotratto del tubo digerente compreso tra la faringe e lo stomaco. √ą lungo circa 25 cm, largo 2, occupa la parte inferiore del collo (porzione cervicale), scorre verticalmente nel torace (porzione toracica), attraversa il diaframma, in corrispondenza dell'anello esofageo, e, dopo breve tratto (porzione addominale), sbocca nello stomaco, mediante un'apertura detta cardias. di Barrett c'è l'indicazione a un intervento di plastica antireflusso. Va comunque detto che l’intervento, pur abolendo il reflusso, solo raramente determina una regressione dell'epiteliotessuto di rivestimento della superficie esterna del corpo e delle cavit√† interne degli organismi animali e vegetali pluricellulari. √ą costituito da cellule di forma geometrica e regolare, separate da sostanza intercellulare. l'epitelio di rivestimento del lume dei vasi √® detto endotelio. colonnare. Una displasiail termine displas√¨a designa l'alterazione della grandezza, della forma, dell'organizzazione delle cellule adulte che istologicamente precede, nell'evoluzione di un tumore maligno (vedi anche cancerogenesi), l'insorgenza del tumore stesso. rispetto a quest'ultimo, pur coesistendo molte analogie con l'aspetto istologico della displas√¨a, si ammette come differenza sostanziale la possibilit√† di regressione della lesione. di grado lieve può invece regredire con l'intervento chirurgico. In ogni caso, i pazienti affetti da esofagotratto del tubo digerente compreso tra la faringe e lo stomaco. √ą lungo circa 25 cm, largo 2, occupa la parte inferiore del collo (porzione cervicale), scorre verticalmente nel torace (porzione toracica), attraversa il diaframma, in corrispondenza dell'anello esofageo, e, dopo breve tratto (porzione addominale), sbocca nello stomaco, mediante un'apertura detta cardias. di Barrett necessitano di una sorveglianza endoscopica e bioptica "ad vitam", sorveglianza che può diventare anche semestrale o trimestrale in caso di comparsa di displasiail termine displas√¨a designa l'alterazione della grandezza, della forma, dell'organizzazione delle cellule adulte che istologicamente precede, nell'evoluzione di un tumore maligno (vedi anche cancerogenesi), l'insorgenza del tumore stesso. rispetto a quest'ultimo, pur coesistendo molte analogie con l'aspetto istologico della displas√¨a, si ammette come differenza sostanziale la possibilit√† di regressione della lesione. rispettivamente lieve o grave (vedi tabella 1).  Negli ultimi anni è stata messa a punto una metodica endoscopica a radiofrequenza (Barrx) che attraverso l'energia emessa da una sonda, introdotta per via endoscopica e messa a contatto con la mucosamembrana di rivestimento della superficie interna di organi cavi e di canali dell'organismo comunicanti con l'esterno direttamente o indirettamente (per esempio, le vie respiratorie, il tubo gastrointestinale, le vie urinarie, l'apparato genitale, l'orecchio medio ecc.) metaplasica, determina la distruzione dell'esofagotratto del tubo digerente compreso tra la faringe e lo stomaco. √ą lungo circa 25 cm, largo 2, occupa la parte inferiore del collo (porzione cervicale), scorre verticalmente nel torace (porzione toracica), attraversa il diaframma, in corrispondenza dell'anello esofageo, e, dopo breve tratto (porzione addominale), sbocca nello stomaco, mediante un'apertura detta cardias. di Barrett. Dopo la radiofrequenza l'esofagotratto del tubo digerente compreso tra la faringe e lo stomaco. √ą lungo circa 25 cm, largo 2, occupa la parte inferiore del collo (porzione cervicale), scorre verticalmente nel torace (porzione toracica), attraversa il diaframma, in corrispondenza dell'anello esofageo, e, dopo breve tratto (porzione addominale), sbocca nello stomaco, mediante un'apertura detta cardias. ripara la mucosamembrana di rivestimento della superficie interna di organi cavi e di canali dell'organismo comunicanti con l'esterno direttamente o indirettamente (per esempio, le vie respiratorie, il tubo gastrointestinale, le vie urinarie, l'apparato genitale, l'orecchio medio ecc.) distrutta con mucosamembrana di rivestimento della superficie interna di organi cavi e di canali dell'organismo comunicanti con l'esterno direttamente o indirettamente (per esempio, le vie respiratorie, il tubo gastrointestinale, le vie urinarie, l'apparato genitale, l'orecchio medio ecc.) normale. Ovviamente è necessario associare una terapia medica o chirurgica per evitare la recidiva del Barrett. Questa metodica trova la sua indicazione soprattutto nel Barrett con displasiail termine displas√¨a designa l'alterazione della grandezza, della forma, dell'organizzazione delle cellule adulte che istologicamente precede, nell'evoluzione di un tumore maligno (vedi anche cancerogenesi), l'insorgenza del tumore stesso. rispetto a quest'ultimo, pur coesistendo molte analogie con l'aspetto istologico della displas√¨a, si ammette come differenza sostanziale la possibilit√† di regressione della lesione. sia lieve che grave.

 

Tabella 1: follow-up nell'esofagotratto del tubo digerente compreso tra la faringe e lo stomaco. √ą lungo circa 25 cm, largo 2, occupa la parte inferiore del collo (porzione cervicale), scorre verticalmente nel torace (porzione toracica), attraversa il diaframma, in corrispondenza dell'anello esofageo, e, dopo breve tratto (porzione addominale), sbocca nello stomaco, mediante un'apertura detta cardias. di Barrett

 

ISCRIVITI ALLA MAILING-LIST
Servizio riservato ai professionisti

Spuntare per avvenuta visione del documento
sulla Privacy e per autorizzare il trattamento ai dati
personali ai sensi dell´art. 13 del d.lgs. n. 196/2003
Codice in materia di protezione dei dati personali
ESOFAGO PISA PISA © 2012 / tutti i diritti sono riservati - info@esofagopisa.it
Realizzato da:

ZeroBlu

www.zeroblu.com