Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, continuando la navigazione, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Accetta Voglio saperne di più X
Esofago Pisa
Esofago Pisa
FAQ
home / faq
FAQ - Esofago Pisa
Selezionare la domanda desiderata per visualizzare la relativa risposta.

- Da un po' di tempo ho disfagia, mi devo preoccupare?

- » vero che con il passare del tempo la plastica antireflusso perde la propria funzionalit‚?

- » vero che la malattia da reflusso gastroesofageo puÚ causare laringite?

- Ho un tumore (gastrico o esofageo), Ť meglio che mi operi subito?

- Ho una voluminosa ernia jatale, mi devo operare?

- In caso di esofago di Barrett ogni quanto bisogna fare la gastroscopia?

- Nei pazienti con esofago di Barrett quant'Ť il rischio di sviluppare l'adenocarcinoma?









- Da un po' di tempo ho disfagia, mi devo preoccupare?

 La disfagia è sempre un sintomo di allarme e deve essere sempre indagata con l'esecuzione di una esofagogastroscopia per escludere una causa ti tiponorganico, in particolare il tumore della giunzione gastroesofagea e dell'esofago.



torna su
- » vero che con il passare del tempo la plastica antireflusso perde la propria funzionalit‚?

Nei centri di riferimento il grado di soddisfazione dei pazienti operati di plastica antireflusso supera il 90%. Se eseguita con le giuste indicazioni e tecnicamente in maniera corretta, a 10 anni il livello do soddisfazione rimane inalterato, con una funzionalitá della plastica in più del 90% dei pazienti.



torna su
- » vero che la malattia da reflusso gastroesofageo puÚ causare laringite?

Generalmente la malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE) causa sintomi tipici (pirosi, rigurgito, ecc.), in alcuni pazienti questi si possono associare a sintomi atipici ( laringiti, raucedine, asma bronchiale, globo faringeo ecc.), che, molto raramente, possono essere l'unica manifestazione di una MRGE. Il nesso di causalità deve esse dimostrato o con un criterio ex adiuvantibus (il paziente migliora con i farmaci antisecretivi gastrici, anti-H2 o PPI) o con un esame diagnostico quale la pH-impedenzometria (esame che usa un sondino multicanale e che studia anche i reflussi che giungono fino all'esofago cervicale). Solo in casi estremamente selezionati ci può essere l'indicazione ad un intervento di plastica antireflusso. 



torna su
- Ho un tumore (gastrico o esofageo), Ť meglio che mi operi subito?

 Dipende dalla stadiazione della malattia fatta con la TC, con l' ecoendoscopia, con la gastroscopia ecc. Nei tumori localmente avanzati (stadi N+, T3-T4) è preferibile eseguire terapie neoadiuvanti (preoperatorie) prima dell'intervento chirurgico. Comunque la strategia terapeutica deve essere sempre scelta in maniera collegiale e multidisciplinare (chirurgo, radioterapista e oncologo) e discutendone con il paziente.



torna su
- Ho una voluminosa ernia jatale, mi devo operare?

 Non è sempre necessario, dipende se l'ernia è sintomatica o no. Inoltre le grandi ernie jatali molto spesso sono diagnosticate in etá avanzata (VI-VII decade di vita) e i pazienti possono presentare comorbilità (mallatie respiratorie, cardiovascolari ecc.). L'indicazione chirurgica ci può essere se è presente disfagia, dolore toracico, ingombro mediastinico, sempre però nell'ottica del paziente e nella valutazione del rapporto rischio/beneficio.



torna su
- In caso di esofago di Barrett ogni quanto bisogna fare la gastroscopia?

In caso di esofago di Barrett, confermato istologicamente, il controllo endoscopico deve essere fatto ogni 3 anni. In caso di Barrett con displasia lieve ogni anno, in caso di displasia grave (confermata da due controlli endoscopici, di cui almeno uno in centri specializzati) ogni 3 mesi. In presenza di Barrett, soprattutto se "long" (>3 cm), una volta fatta la diagnosi, é meglio eseguire anche una cromoendoscopia con magnificazione per migliorare l'accuratezza diagnostica della displasia.


torna su
- Nei pazienti con esofago di Barrett quant'Ť il rischio di sviluppare l'adenocarcinoma?

Sicuramente l'esofago di Barrett é un fattore di rischio per lo sviluppo dell'adenocarcinoma, ma questo é molto basso e si pensa che sia circa lo 0,3-0,5% dei pazienti con esofago di Barrett/anno.



torna su
ISCRIVITI ALLA MAILING-LIST
Servizio riservato ai professionisti

Spuntare per avvenuta visione del documento
sulla Privacy e per autorizzare il trattamento ai dati
personali ai sensi dell´art. 13 del d.lgs. n. 196/2003
Codice in materia di protezione dei dati personali
ESOFAGO PISA PISA © 2012 / tutti i diritti sono riservati - info@esofagopisa.it
Realizzato da:

ZeroBlu

www.zeroblu.com